TERRITORIO » STORIA

« TORNA ALLA LISTA

Protostoria - I Tigullii


Le vicende del territorio di Neirone nella protostoria vanno lette nel più vasto quadro dello sviluppo del sistema territoriale costituito dalla valle Fontanabuona e dal perimetro costiero del golfo del Tigullio con il promontorio di Portofino. È opinione concorde che tale territorio, in cui il Comune è inserito, coincida con l'area occupata in antico dalla tribù ligure dei Tigullii, di cui ci sono pervenute, menzioni indirette delle fonti romane. La conformazione fisica del comprensorio, intersecato da numerosi rivi che si immetteva nel sistema idrografico principale formato dal Lavagna-Entella, che sfocia tra Chiavari e Lavagna, ha da sempre favorito l'insediamento umano, per la fertilità delle terre e la ricchezza di acque, che si accompagnano ad una morfologia molto varia, ottimale sia per l'allevamento, sia per differenti tipi di colture e lo sfruttamento boschivo. La zona era inoltre ricca di giacimenti di minerali, in particolare cupriferi, che furono sfruttati almeno a partire dall'età del Rame e alimentarono nell'età del Ferro un fiorente artigianato. La catena montuosa che delimita a nord la val Fontanabuona, con vette che superano in qualche caso i 1000 metri di altitudine, è attraversata da numerosi passi, che mettevano in comunicazione con la Pianura padana.
IL TERRITORIO Vai alla google map
POPOLAZIONE: 959
ALTITUDINE: mt 350 s.l.m.
SUPERFICIE: 30,31
FRAZIONI: Neirone, Ognio, Roccatagliata, San Marco d'Urri.
PROSSIMI EVENTI